Come Evitare di Subire un Furto i Fattori di Rischio di una Casa

La prevenzione è la migliore soluzione. Questa affermazione può essere benissimo applicata anche alla sicurezza della casa. Prevenire un furto, difendendosi dai ladri non ha prezzo. Oggi parleremo proprio di questo, di quelle attività che possono essere messe in atto per far sì che la nostra abitazione non venga presa di mira da eventuali intrusori. Vedremo i sistemi piú efficaci e le azioni che prevengono in maniera reale un attacco dei ladri.

Iniziamo proprio mettendoci nella testa di un malfattore. Per fare ciò abbiamo utilizzato un prezioso documento quello di Transcrime, ente che in collaborazione con il Ministero dell' Interno ha esaminato proprio i furti nelle abitazioni. Se volte leggere l'intero documento, potete scaricarlo qui: rapporto furti abitazione.

rapporto-furti-in-italia

Cominciamo col dire che in Italia i furti sono in continuo aumento dal 2004, soprattutto in Nord Italia, vedi grafico qui sopra. La colpa è della crisi, di mancanza delle pene detentive e dello scarso appoggio delle forze dell' Ordine, impegnate nella lotta a reati considerati piú gravi. C'è da dire che non tutte le case presentano lo stesso rischio di subire un furto e ci sono alcuni fattori che influenzano gli "attacchi". E' proprio di questo che vogliamo parlare, di quali sono le case che sono piú adatte a subire un furto.

Il furto con raggiro

è quello che subiscono le persone anziane. Chi ha piú di 70 anni è piú esposto a subire raggiri di malintenzionati che con un pretesto riescono ad entrare in casa, carpendo la buona fede della persona, e rubano quello che possono.  Al contrario, i ladri che agiscono con lo "scasso", forzando porte o finestre tendono a preferire le aree dove le abitazioni sono vuote durante il giorno. In questo caso, la presenza di anziani, che sono più facilmente a casa nelle ore diurne, potrebbe essere un fattore invece "protettivo".

Quali case sono a rischio furto

Zone in cui ci sono molti negozi "compro oro": sembra paradossale ma è così. Un ladro vuole sbarazzarsi presto della refurtiva, un quartiere che presenta un'alta densità di negozi di questo genere potrebbe favorire i furti.

Zone ad alta densità abitativa: piú case e piú furti, inoltre in questo caso i ladri potrebbero ben mimetizzarsi tra le tantissime persone che ci vivono.

Zone ricche: Le aree con alti valori immobiliari potrebbero essere più a rischio perché, essendo abitate da residenti con maggiori disponibilità economiche, assicurano un maggior guadagno per furto commesso.

Presenza di campi nomadi: anche in questo caso lo studio di Transcrime e del Ministero dell' Interno rileva un aumento dei furti in corrispondenza dei campi nomadi e anche di centri di cura per le Tossicodipendenze.

Case popolari: sono maggiormente presa di mira per via della scarsa sorveglianza e della scarsa cura dei palazzi, poca luce, mancanza di videosorveglianza e anche del poco coinvolgimento "sociale" degli abitanti.


Cosa fare per prevenire i furti

In questo caso ci basiamo su un documento molto importante, quello elaborato dall' Università statunitense di Charlotte (UNDERSTANDING
 DECISION S
TO
 BURGLARIZE 
FROM 
THE
 OFFENDER’S
 PERSPECTIVE) che ha intervistato diverse centinaia di detenuti in carcere per furto. E' stato chiesto che cosa li convinceva ad attaccare una casa piuttosto che un'altra o, a parti rovesciate, quali erano le cose che gli facevano decidere di abbandonare la voglia di tentare un furto.

motivi-dei-furti

Guardate il grafico qui sopra, è in inglese, ma cercheremo di spiegarvelo per bene. Al primo posto i detenuti hanno detto di abbandonare l'idea di rubare se in casa o fuori è presente una telecamera di sorveglianza, un ottimo deterrente, il migliore insieme ad un sistema di antifurto "surveillance". A seguire:

  • presenza di persone in casa;
  • cane in casa;
  • passaggio di auto continuo per strada;
  • presenza di polizia nelle vicinanze o di vigilanza;
  • traffico;
  • presenza di vicini di casa che possono verificare;
  • segni di presenza di altri sistemi di sicurezza;
  • vie di fuga disponibili;
  • persone che camminano nelle vicinanze.

Per i dettagli, se avete voglia, vi invitiamo a leggere il rapporto che è lunghissimo ma è molto dettagliato.

Consigli

Noi consigliamo di installare un antifurto per la casa, in alternativa o in maniera congiunta un sistema di video sorveglianza. Lasciate detto ai vicini che andate via se partite per lunghi periodi e fate svuotare la cassetta della posta. Per simulare la presenza in casa potete acquistare anche questo videocitofono a controllo remoto. In pratica quando qualcuno citofona potete rispondere dallo smartphone connesso ad Internet. Basta installare l'app proprietaria.

Lasciate accesa una radio, oppure utilizzate un temporizzatore che accende un elettrodomestico o una luce. Noi consigliamo di acquistare questa presa intelligente della D-LINK, qualsiasi apparecchio ad essa collegato può essere acceso e spento da internet tramite un app sul cellulare. Illuminate per bene la parte prospicente la casa, i balconi e l'ingresso principale.

CONDIVIDETE CON TUTTI PER FAR CONOSCERE QUESTO ARTICOLO, PREVENITE I FURTI!

 

 

One Response

  1. antonella milano 8 gennaio 2017

Leave a Reply