Antifurto Garage il migliore contro i Furti

Il garage è considerato una pertinenza della casa, ma spesso è molto di più. Solitamente qui custodiamo la nostra auto, le moto, le biciclette oppure tanti altri oggetti che possono avere un valore importante. Inoltre, comunicando con la casa, il box può rappresentare un punto sfruttabile da ladri e malintenzionati per penetrare nell' appartamento della nostra villa.

Per proteggerlo la soluzione migliore è quella di acquistare un antifurto per garage. Per il momento lasciamo da parte lucchetti, catene e serrature che comunque possono rinforzare eventuali porte blindate di accesso.

antifurto garage

Come deve essere fatto? Come funziona? Quale il migliore che garantisce la protezione massima? A cosa dobbiamo prestare attenzione prima dell' acquisto? Sono tutte cose che analizzeremo in questo articolo.

Partiamo da uno spunto. Non esiste un sistema di allarme che garantisce l'assoluta impenetrabilità della casa. Parliamo ovviamente di impianti ad uso domestico, non quelli che devono proteggere punti molto sensibili di sicurezza nazionale. E' chiaro però che i ladri che vanno a rubare in appartamenti e garage non sono così attrezzati da disinnescare un antifurto. Già la sola presenza fa da deterrente. Per cui il nostro consiglio è quello di porre in evidenza che un antifurto è installato. In molti invece sposano il concetto contrario, l'antifurto non si deve vedere, dobbiamo renderlo invisibile per evitare attacchi e tentativi di manomissione e sabotaggio.

Per cui se siete d'accordo con noi la prima cosa da fare è quello di porre un cartello con scritto "impianto di allarme e videosorveglianza attivo" e poi porre  la sirena dell'antifurto in bella evidenza. Detto ciò andiamo a scoprire gli elementi che devono comporre un antifurto per il garage, box o cantina.

Come deve essere fatto un antifurto per garage

abbiamo due opzioni possibili. Possiamo collegarlo all'impianto di allarme della casa se è presente, oppure montarne uno a parte.


Nel primo caso basterebbe mettere nell' area interna del garage un sensore PIR, a raggi infrarossi. Bastano 30-40 euro per acquistarne uno di media qualità. Sarà collegato wireless alla centralina di casa. Abbastanza semplice. Se vogliamo aggiungere qualcos'altro potremo montare un contatto magnetico sulla serranda del box, se si tratta di cantina sulla porta di apertura. Sia che si tratti di porta a bascula o serranda il contatto magnetico invia un segnale di allarme alla centrale quando vengono aperte. Anche in questo caso il dispositivo si collega alla centralina in modo wireless o con filo.

Dovremo essere a posto. Ma potremo anche voler controllare l'area di fronte al garage. In questo caso possiamo optare per il montaggio di barriere perimetrali oppure di una videocamera di sorveglianza.

La barriera è composta da due sensori, un ricevente ed un emettitore. Si crea un fascio invisibile infrared che, quando viene valicato, fa scattare l'allarme. La videocamera invece trasmette in tempo reale le immagini riprese. I nuovi modelli come ad esempio la HIKAM A7 che riprende in HD sono dotati di sensore di movimento, quando si avvicina la persone inviano un allarme direttamente sullo smartphone. A quel punto possiamo metterci in visione diretta di quello che accade e decidere sul da farsi, ad esempio se è il caso di chiamare le forze dell' Ordine perchè i ladri stanno tentando di aprire il nostro garage.

E se nel garage non arriva la corrente elettrica? Potremo sfruttare una normale batteria dell' auto per l'alimentazione, attenzione però perchè dobbiamo dotarci di inverter, costa circa 40 euro, per trasformare la corrente della batteria che esce in continua in alternata da usare con apparecchi elettronici come antifurti e telecamere.

Proteggere l'auto o moto da un furto in garage

mettiamo il caso che i ladri siano riusciti ad entrare nel garage e che l'antifurto non sia scattato in tempo. Se abbiamo un auto o una moto spendendo meno di 50 euro possiamo comprare un localizzatore gps. Il funzionamento è semplicissimo, ma allo stesso tempo di un'efficacia incredibile. Il tracker GPS si presenta come una scatolina nera. All' interno c'è il rilevatore Gps con sensore che ha un'autonomia di 10 giorni. Quando è attivato e la macchina o moto viene spostata parte un allarme, o meglio viene inviato un SMS al nostro cellulare. Prima di settarlo ovviamente dobbiamo comprare una SIM CARD da inserire all' interno.

A quel punto, interrogando il tracker tramite SMS, possiamo avere le coordinate esatte di dove si trova la nostra auto e moto con il link diretto a Google Maps. Insomma la protezione è massima. Ma non è finita qui perchè, essendo dotato di microfono, possiamo anche metterci in ascolto di tutto quello che viene detto in auto.

 

Leave a Reply